Comunicazione multicanale e interconnessa, il futuro dello shopping

Phygital: fisico e virtuale si incontrano per soddisfare il cliente

Digital, Innovazione.

Comunicazione multicanale e interconnessa, il futuro dello shopping

Phygital: fisico e virtuale si incontrano per soddisfare il cliente

Digital, Innovazione.

L’E-Commerce ci ha ormai dimostrato i vantaggi e la praticità degli store online, ma nell’esperienza d’acquisto ha ancora un ruolo fondamentale l’interazione fisica con le persone e con il prodotto stesso.

Il phygital marketing vuole congiungere fisico e digitale, realtà nel commercio ormai interdipendenti, integrando il retail tradizionale con strumenti innovativi.
Con un approccio multicanale fornisce strumenti digitali volti a rendere la customer experience soddisfacente e personalizzata sulla base delle abitudini del singolo consumatore.

Questo approccio rappresenterà la quotidianità nell’esperienza d’acquisto delle generazioni future e andrà a modificare sostanzialmente le abitudini del mercato. Stiamo riprogettando l’intera customer journey per instaurare una comunicazione sempre più fluida tra utente e brand creando un più efficace customer care

Negozio fisico e virtuale saranno sempre più interconnessi e l’utente sarà libero di scegliere senza complicazioni dove vivere ogni fase della sua esperienza d’acquisto.

Fidelizzazione crosscanale e dati di ritorno

Attraverso canali diversificati l’azienda mantiene il contatto con l’utente prima, durante e dopo la spesa, monitorando reazioni e preferenze.
Il phygital retail trae dai big data preziose informazioni sulla fruizione dello store, come ad esempio il tempo di permanenza nei diversi ambienti del locale.
Dati su cui il marchio lavora per migliorare posizionamento, esposizione dei prodotti e, in generale, la propria brand awareness.

Gli strumenti del phygital

Le previsioni vedono per i prossimi anni una crescita esponenziale del phygital, ma già conviviamo con svariati esempi della pratica, basti pensare ai lettori QR code nei cartelloni pubblicitari, nei musei o in aeroporto.
O agli strumenti dell’IoT (Internet of Things), l’interconnessione di oggetti concreti attraverso la rete, o ancora qualsiasi progetto che leghi realtà aumentata e marketing, come possono essere PokémonGo o i GoogleGlass.

phygital-marketing-telefono-donna-volo

Gli esempi nel phygital

Parlando di grandi progetti citiamo il suggestivo #Energy2012 del London Eye, che rilevò gli stati d’animo dei tweet a tema Olimpiadi traducendoli in un magnifico gioco di luci e colori.

O per rimanere nel Bel Paese, Generali Real Estate ha promosso il centro City Life a Milano con un progetto di realtà aumentata tramite il quale i clienti, accompagnati dall’agente immobiliare, hanno potuto visitare virtualmente l’intera struttura, ancor prima che la costruzione stessa fosse terminata.

phygital-moodmama-uomo-macchina-virtuale

Walmart ha scalato le classifiche grazie all’implementazione del picking, metodo di spesa che permette di acquistare i prodotti online per poi ritirarli comodamente nei punti vendita, scampando ricerche, file e pagamenti. 

Il rivale ha risposto con i progetti AmazonLocker, sistema di ritiro degli acquisti in punti vendita convenzionati, e AmazonGo, il supermercato interamente digitale aperto per la prima volta a Seattle. Non ha cassa né personale, lo scaffale rileva la presenza del singolo prodotto e nell’immediato lo aggiunge o sottrae al carrello cui è collegato il conto con carta di credito. Il tutto procede in automatico e viene sorvegliato da un accurato sistema di videosorveglianza e finito lo shopping, puoi uscire evitando scoccianti perdite di tempo.

L’obiettivo principale rimane la soddisfazione del cliente, aldilà della metodologia in cui si riduce sempre di più il confine tra online e offline.
L’efficacia dell’innovazione tecnologica continuerà a dipendere da un fattore a priori: l’empatia delle risorse umane, che inquadrano esigenze e sentimenti del consumatore.

Se sei interessato ad un approfondimento sulla realtà aumentata, leggi il nostro blog.
E per qualsiasi altra informazione, non esitare a chiamare MoodMama.

Gaia Canavesi

Condividi su

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

OK Leggi di più